Le armi tradizionali

Nello studio del Ta Fang Tao, imparare ad usare le armi tradizionali è di vitale importanza, non soltanto per un fattore estetico o di tradizione, ma perché esse aiutano l’allievo nella sua crescita personale, sia come praticante di arti marziali sia come uomo civile.

Molti sono coloro che affermano che ...

è inutile imparare ad utilizzare le armi tradizionali, poiché ormai le armi da fuoco le hanno rimpiazzate. Benché questo sia vero, imparare ad utilizzare le armi tradizionali con estrema destrezza consente al praticante di arti marziali di guadagnare delle qualità che sicuramente non avrebbe l’opportunità di conoscere se non praticasse questo tipo di allenamento. Allenarsi con un bastone lungo o Gung, ad esempio, ci consente una maggiore percezione dello spazio circostante, nonché allena gli avambracci in modo da far diventare la presa ancora più forte. I movimenti a “forma otto” ci permettono di mantenere la concentrazione durante il veloce movimento del bastone e ci aiutano a percepire di più l’equilibrio durante il movimento.

L’uso della lancia tradizionale cinese o Qiang ci aiuta ad allenarci al “movimento sferzante” cioè quel movimento che appare come il colpo di una frusta, la precisione negli affondi e nei tagli a lunga distanza, articolazioneviva tra lancia e mano ci permettono maggiore sicurezza e mobilità a livello delle prese.

Per le armi corte come la Spada dritta a doppio taglio o Jian il loro uso in allenamento ci consente di imparare la trasmissione dell’energia interna (detta in cinese Chi e in giapponese Ki) verso un altro corpo, distinto dal nostro, in questo modo anche con l’uso della spada il praticante migliora sia la percezione dello spazio sia la sicurezza della presa dell’arma. Ovviamente per eseguire correttamente le tecniche della Jian bisogna prima conoscere a fondo le tecniche della Dao o sciabola cinese, la quale avendo un taglio curvo ed un bordo senza il taglio ci aiuta a percepire il cambiamento quasi istantaneo fra la distanza lunga nella quale si lavora con la punta dell’arma e la distanza corta nella quale i due bordi taglienti dell’arma insieme ai bordi senza taglio possono essere a contatto.

Le tecniche con il bastone lungo e con la lancia possono avere delle applicazioni pratiche in un combattimento se, in strada, trovassimo degli oggetti simili, ma come ben sappiamo in strada trovare un bastone della giusta misura come quello con il quale ci si allena in palestra, è quasi impossibile, per questo diventa ancora più pratico imparare ad usare le armi corte come la Jian o la Dao, poiché esse possono essere messe in azione anche usando un bastone di corte dimensioni, divenendo un arma letale nelle mani di uno esperto.

Le armi flessibili come la catena o i bastoni snodati, sono armi che possono essere portate in giro facilmente nascoste sia nei pantaloni che nelle borse o zaini, quindi può essere ancora più pratico imparare a conoscere il loro uso in modo serio e determinato.

Il Coltello o pugnale è anche essa un'altra arma di facile trasporto giacché lo si può nascondere con facilità.

Chi si allena all’uso delle armi tradizionale ha molte tecniche a vantaggio proprio, visto che tale allenamento non solo ti rende consapevole della pericolosità di tali armi, ma anche ti insegna a concepire ogni cosa come un’arma; qualunque cosa che si trova su un tavolino, ad esempio, può diventare un’arma per chi conosce l’uso delle armi tradizionali. In questo modo anche un libro potrebbe diventare un’arma, un arancio o i lacci di una scarpa possono causare grave danno se utilizzati nel modo giusto.

Chiunque può comprare ed utilizzare fin da subito un’arma da fuoco senza avere bisogno di iscriversi in palestra, con essa può difendersi benissimo e con maggiore sicurezza, ma cosa farà nel caso perdesse la sua arma? Imparare ad usare le armi tradizionali ci consente il sangue freddo necessario nel combattimento e ci fa diventare un arma vivente la quale può colpire anche senza bisogno di una pistola.

Chi usa le armi da fuoco per difendersi, di certo non ha coraggio, egli ha paura della morte per cui morirà in fretta, per combattere devi guardare la morte in faccia, solo così potrai vincere” spesso il maestro Liu Xi Fong incoraggiava in questo modo i suoi allievi mentre si allenavano alle tecniche di coltello usando un coltello vero e proprio fin dalle prime lezioni!

Ovviamente c’è chi si allena soltanto per avere un po’ di “bagaglio tecnico” nelle arti delle armi tradizionali, tale allenamento non produrrà mai dei buoni combattenti, poiché limita l’uso dell’arma ad un fattore culturale ed estetico, perciò se si decide di seguire la via delle armi tradizionali, bisogna essere sicuri e convinti di ciò che si sta studiando: non una tecnica di bellezza nè un pezzetto di cultura, ma una tecnica semplice, veloce ed efficace per abbattere al più presto l’avversario.